Avventure in lingua straniera

Sedi e Orari dei corsi di lingue per bambini, ragazzi e adulti 2018/2019

 

The Adventures of Hocus and Lotus 


img_6706

Corsi di lingua straniera per bambini (0 -11 anni)
“The adventures of Hocus and Lotus” e’ un modello di insegnamento, scientifico e certificato, delle lingue ai bambini, elaborato dalla prof. ssa Traute Teaschner e dallo staff di ricerca della facoltà di psicologia de La Sapienza – Università degli Studi di Roma (www.hocus-lotus.edu).  Si sviluppa a partire dal coinvolgimento totale della persona mediante l’utilizzo della narrazione, della mimica, dell’espressività facciale/vocale e della gestualità e si caratterizza per una metodologia di insegnamento informale e socialmente integrativa che pone al centro il bambino in un’ottica di condivisione di esperienze positive (caring and sharing). La Magic teacher, infatti, veicolo di un momento magico in un’altra lingua, inviterà innazitutto i piccoli apprendenti a condividere con lei una straordinaria esperienza in un universo linguistico del tutto nuovo, quello de “Le avventure di Hocus e Lotus” e, all’interno del mondo magico, i bambini scopriranno a poco a poco che le cose hanno un altro nome, imparando a padroneggiare vocabolario e strutture grammaticali in modo del tutto inconscio, proprio come avviene per la lingua materna. Incentrare l’nsegnamento sul processo naturale di aquisizione della prima lingua e’ d’altra parte uno degli ingredienti fondamentali della magia di Hocus e Lotus, un metodi di insegnamento che mira a favorire una crescita di tipo bilingue. E saper parlare più lingue significa crescere aperti al confronto con mondi e culture differenti.
m


IMG_7048[1]                                   Modalità organizzative

Come si svolge una lezione? Tutto comincia con un rito di passaggio che invita i bambini ad abbandonare il mondo reale, in cui si parla solo italiano, e a immergersi in un universo fantastico in cui sarà possibile parlare e comprendere solo la nuova lingua. Nel mondo di Hocus e Locus, infatti, si parlerà solo inglese. Al centro della lezione ci sarà la storia dei due dinocroc, narrata e mimata dall’insegnante insieme ai piccoli apprendenti, seguita e supportata da adeguati strumenti didattici, diversificati in base ai differenti stili di apprendimento dei bambini: il mini musical, che riprenderà la storia narrata trasformandola in musica da cantare e ballare, il libretto con le immagini, che darà forma visiva a quanto vissuto e immaginato, le flash cards, a supporto della memorizzazione del vocabolario, e ulteriori attività di rinforzo in grado di stimolare l’utilizzo di strutture e lessico in un contesto diverso da quello della storia. La visione del cartone animato concludera’ la lezione.
m

Obbiettivi

I bambini, immedesimandosi e partecipando attivamente alle avventure d Hocus e Lotus, esploreranno il magico mondo dell’inglese assimilando, attraverso la ripetizione, il mimo, il canto, il ballo, l’arte e il gioco, una nuova lingua. Coinvolti tramite il trasporto emotivo e il rapporto affettivo-positivo con l’insegnante e i compagni, impareranno a:
AMARE la lingua straniera, condividendo esperienze positive e assimilando nuove parole, strutture e molta grammatica in modo inconscio e divertente;
COMUNICARE non solo attraverso le parole ma anche mediante il movimento del corpo;
RACCONTARE in lingua straniera, attraverso la riformulazione della storia proposta dall’insegnante.
Saranno inoltre stimolate:
• Creatività ed espressività;
• Ascolto e comprensione;
• Relazionalità e cooperazione in gruppo.
m

Perché indossare la maglietta magica?

Processed with VSCOcam with f2 preset
Il format narrativo de “Le avventure di Hocus e Lotus” si distingue dalle tradizionali modalità di insegnamento linguistico concretizzandosi a lezione in «un’azione teatrale di tipo mimico gestuale e corale» che i piccoli apprendenti «vivono»  insieme alla magic teacher. Con il rito magico, insegnante e bambini «indossano» in modo tangibile, mediante la maglietta, un’altra lingua ed entrano a far parte di un universo fantastico in cui le cose hanno un altro nome, dove si parla solo la lingua straniera. Questo importante espediente iniziale fa’ si che nei vissuti degli apprendenti si costituisca una «nicchia specifica», «un contesto dedicato per l’apprendimento della nuova lingua», nel quale, motivati dalla finalità pragmatica di farsi comprendere dall’insegnante, è possibile cominciare ad «acquisire e negoziare significati» in lingua straniera.
m

Perché utilizzare i materiali anche a casa?

Processed with VSCOcam with c1 preset
La condivisione del metodo didattico da parte della famiglia è essenziale ai fini di un buon apprendimento del bambino. Grazie alla disponibilità di materiali idonei anche a casa, infatti, i genitori possono collaborare attivamente all’attività didattica supplendo, mediante l’ascolto, la lettura e la riproduzione quotidiana del CD/DVD, a quel contatto continuativo e frequente con la lingua straniera che la magic teacher non può soddisfare mediante un’unica lezione settimanale. E’ d’altra parte solo attraverso una ripetuta esposizione alla lingua straniera, realizzata attraverso canali e materiali differenti, che si realizza, col tempo, un utilizzo spontaneo e naturale del linguaggio.